Passa ai contenuti principali

Con "Il pescatore di sogni" esordio dello scrittore Marco Maria Ferrari. Domenica prossima presentazione del libro presso il Circolo nautico di Giulianova

Domenica 16 maggio, alle ore 18, si terrà nel Circolo nautico “V. Migliori” di Giulianova la presentazione del libro “Il pescatore di sogni” di Marco Maria Ferrari (edizioni Il Viandante) alla presenza del sindaco di Giulianova Jwan Costantini e del presidente dell’Ente Porto Valentino Fabrizio Ferrante. Interverranno l’editore Arturo Bernava e l’Autore. Modera lo storico e giornalista Sandro Galantini.

 

Il volume è stato concepito come una stratificazione di esperienze, sentimenti, amori, dolori che si trasferiscono attraverso le generazioni, come fili invisibili che si dipanano da quelle vite, si intrecciano e riannodano, riconsegnandoci la memoria di chi ci ha preceduto. Il mondo della pesca, la vita dei marinai e l’ambiente del porto di Giulianova assumono un rilievo centrale e percorrono, entro i perimetri della memoria, le 219 pagine del libro che reca anche 42 foto scattate tra il 1934 e il 1940, oltre a quella di chiusura che ritrae l’Autore in braccio al padre Pietro Ferrari, docente di latino e greco al Classico di Teramo ma soprattutto notissimo scrittore e poeta.

Da sempre innamorato del mare e appassionato di archeologia, immersioni, pesca e navigazione a vela, Marco Maria Ferrari è nato a Giulianova nel 1950 ed ha iniziato ad esercitare la professione forense nel 1976. Ha frequentato la facoltà di diritto comparato a Strasburgo e per anni ha collaborato con la cattedra di diritto del lavoro all’Università di Teramo.

“Il pescatore di sogni” è la sua opera d’esordio autobiografica-romanzata.

Commenti

Post popolari in questo blog

GENTE DI TERAMO: A "Soqquadro" l'arte di Toni il corniciaio

  di Marcello Maranella N on lo rivedevo da parecchio tempo, Ton i. Era poco più che un ragazzo quando frequentavo il laboratorio "Arte e cornici" in Via Stazio a Teramo gestito a regola d'arte, appunto, dalla madre Annalucia in quel luogo dove, agli inizi del'900, prese avvio l'attività di Conocchioli per la vendita di madonnari , cornici e oggetti sacri e religiosi, a cui subentrava negli anni cinquanta Tobia Giannandrè , artigiano a modo e sapiente. A Via Stazio non si fanno più cornici dai tragici giorni del 2009, quando il terremoto rese inagibili gli storici locali dopo circa 120 anni di onorato servizio. Con l'andata in pensione della gentile signora corniciaia i segreti e i ferri del mestiere sono passati al figlio che ha ridato impulso all'attività portandola all'attenzione dell'alta committenza nel mondo dell'arte e degli operatori culturali più esigenti. Qualche mese fa avevo bisogno di una cornice speciale per un dipinto a me mol

Tra gli applausi dei presenti presso l'Ateneo di Teramo conferita la laurea in Giurisprudenza alla memoria di Erica Fusella

  I n un comunicato stampa diffuso a firma del Consiglio degli studenti diell'Università degli Studi di Teramo si apprende che nel pomeriggio di martedì 8 giugno l'Università degli Studi di Teramo ha accolto la famiglia e gli amici di Erica Fusella per ricordare e celebrare la studentessa di Torrevecchia Teatina (CH), prematuramente scomparsa all'età di ventisei anni lo scorso 21 settembre 2020. In occasione del conferimento della laurea in Giurisprudenza alla memoria, il Rettore Dino Mastrocola, con affetto e commozione, ha voluto omaggiare personalmente i genitori Paola ed Evasio , il fratello Alessandro e i tanti amici presenti, sottolineando la tenacia e l'insegnamento lasciato da Erica, la quale fino agli ultimi momenti si è prodigata tanto nello studio quanto nella cura delle relazioni di affetto, nonostante le difficoltà. Fedele all'espressione latina“per aspera ad astra” - attraverso le asperità, sino alle stelle - come amava ripetere, la giovane studente

LAUREATA DELL’ATENEO SUI DIRITTI UMANI ENTRA NEL PRESTIGIOSO COLLEGIO D’EUROPA

G reta Di Mattia , giovane laureata della Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Teramo, ha vinto una borsa di studio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale per l’ammissione al prestigioso Collegio d’Europa per l’indirizzo Studi interdisciplinari europei, nel Campus di Natolin a Varsavia. Greta Di Mattia si è laureata, con il massimo dei voti e la lode, il 14 dicembre 2020 al termine di un brillante percorso di studi in Scienze politiche internazionali discutendo una tesi su La guerra nello Yemen: le antinomie del diritto internazionale dietro le rovine di un paese dimenticato, nell’ambito dell’insegnamento Diritti umani e Diritto internazionale umanitario, tenuto dal professor Pietro Gargiulo. Il Collegio d’Europa è il più prestigioso istituto di studi europei post-universitari. Fondato nel 1949, la sua sede storica è a Bruges (Belgio), cui si è aggiunto dal 1992 il campus di Natolin. Rettore del Collegio d’Europa è attualmente Federica Mogherin